Questo sito contribuisce
alla audience di
mercoledì 7 dicembre 2016, 11:30
Ultime notizie
Brand Journalism: raccontare storie partendo dal marchio

Brand Journalism: raccontare storie partendo dal marchio

C’è un nuovo ramo del giornalismo che si sta diffondendo, seppur ancora lentamente e tra pregiudizi vari, anche in Italia: si tratta del brand journalism.

Per definirlo in modo sintetico, si può affermare, per l’appunto, che è quel tipo di giornalismo che si occupa della comunicazione di tutto ciò che ruota attorno a un marchio (brand) con lo scopo d’informare i lettori sulla storia dell’azienda attraverso gli strumenti e le regole proprie del professionista che opera nei mass media.

Il brand journalism prende le mosse da un’involuzione del messaggio pubblicitario sul web: l’utente, ormai assuefatto e infastidito dal classico contenuto commerciale, comincia a provare un rifiuto quasi naturale nei confronti della pubblicità tradizionale. Da qui la necessità di un modo alternativo di comunicare il marchio: il racconto di storie per attrarre il lettore/consumatore, suscitando emozione e interesse.

E, per costruire storie (storytelling, in gergo), chi meglio di un giornalista, abile nel raccontare i fatti con stile e tecnica?

Ora, ben sappiamo che in Italia il messaggio giornalistico non può essere confuso con la pubblicità, come disciplina la Carta dei Doveri, sottoscritta dall’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa nel 1993. Il motivo è semplice: i lettori devono ricevere un’informazione corretta e imparziale. Inoltre, il messaggio pubblicitario deve essere sempre e comunque distinguibile dai testi giornalisti attraverso chiare indicazioni.

Come inquadrare, dunque, in Italia, il rapporto tra il giornalista e il brand journalism?

Anche in questo caso la soluzione non è affatto difficile: nel giornalismo d’impresa, il giornalista non è né deve mai essere coinvolto nelle vendite dei servizi o dei beni prodotti dall’azienda. In pratica, l’articolo giornalistico non ha lo scopo di vendere qualcosa a qualcuno (al contrario di quanto avviene con il content marketing) ma racconta la storia del marchio o elabora notizie che riguardano la vita sociale ed economica dell’azienda.

Insomma, come un vero e proprio addetto stampa, con la differenza sostanziale che, nel caso del brand journalism, il giornalista non deve curare i rapporti tra il “cliente” e i “media” ma utilizza come strumento d’informazione quello proprio del brand.

In definitiva, il giornalista d’impresa non è che un professionista dell’informazione specializzato in marchi, come già accade con lo sport, l’economia, la cultura, ecc.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*