Facebook Messenger: ogni pagina avrà la sua username con la @

 In Social Media, Uncategorized

C’è un dato che deve far riflettere: se nel 2014 un quarto della popolazione mondiale era attiva sui social media, nel 2018 sarà un terzo. Ovvero, nel giro di appena quattro anni, sulle reti sociali si è aggiunto un altro miliardo di persone.

Ecco perché non deve stranizzare l’incremento delle novità (al ritmo quasi di una a settimana) che riguardano i principali social network.

Facebook, ad esempio, ha annunciato, sulla scia dei 900 milioni di utenti che utilizzano ‘Messenger’ (l’app che permette di chattare con i propri contatti) l’implemento di nuove funzionalità e la stipula di nuovi accordi.

Tra quest’ultimi, ad esempio, bisogna annoverare quello con KLM, compagnia aerea olandese, così da permettere ai passeggeri di ottenere su Messenger non solo i dettagli del volo ma anche la carta d’imbarco mediante un semplice messaggio.

Per quanto riguarda le novità, invece, non è male quella dell’impostazione di un nome utente: “Ogni pagina – ricorda il social network di Mark Zuckerberg – ha un nome utente (username) univoco che può essere impostato e modificato. Presto, il nome utente sarà visualizzato direttamente sulla pagina con il simbolo (@) prima di esso. Le Pagine che hanno già una ‘vanity URL’ (Url unici come https://www.facebook.com/RestoalSud/?fref=ts), hanno già un nome utente, perché il nome utente di una pagina (@RestoAlSud) e la ‘vanity URL’ sono la stessa cosa”.

Insomma, il nome utente di una pagina sarà anticipato dalla @, proprio come avviene su Twitter.

Perché è importante questa novità? Semplice: l’aggiunta degli username consentirà alle persone di connettersi in maniera più facile con le aziende tramite un messaggio.

Dunque, una nuova opportunità per i brand per interagire con i propri clienti, sia attivi che potenziali.

P.s. di Facebook si parla anche nel libro “Brand Journalism: storytelling e marketing: nuove opportunità per i professionisti dell’informazione“, edito dal Centro di Documentazione Giornalistica.

Post Consigliati

Lascia un Commento