Questo sito contribuisce
alla audience di
mercoledì 7 dicembre 2016, 11:29
Ultime notizie
Google farebbe bene a spendere 30 miliardi di dollari per comprare Twitter?

Google farebbe bene a spendere 30 miliardi di dollari per comprare Twitter?

E se Google acquistasse Twitter?

No, non è un’opzione fantasiosa ma una prospettiva concreta di una vendita che potrebbe essere la più costosa della storia nell’ambito del web.

Da un lato, infatti, Google – ormai conclamato il fallimento di Google +, sempre più ‘desertico’ – potrebbe mettere le proprie mani sul social network dei cinguettii così da migliorare la propria posizione nelle reti sociali; dall’altro Jack Dorsey & Co. potrebbero preferire di passare la mano anziché trovare con ansia nuove formule per cercare di incrementare gli introiti, al momento insoddisfacenti.

Infatti, secondo varie stime, Twitter avrebbe un valore che si aggira fra i 16 e 18 miliardi di dollari ma altri pensano che si possa arrivare addirittura a 30. Una cifra che Google potrebbe (forse) spendere e, quindi, convincere Dorsey a passare il testimone al colosso di Mountain View.

Per Google – puntando a un’integrazione del social network con i propri prodotti di punta (motore di ricerca e, quindi AdWords, in primis) – potrebbe rappresentare un ottimo affare di prospettiva, potenziando gli oltre 300.000.000 di iscritti di Twitter.

Se, poi, l’affare dovesse andare in porto, sarebbe il più alto dell’era di internet, superando i 19 miliardi spesi da Facebook per acquisire WhatsApp e i recenti 26,2 miliardi sborsati da Microsoft per accaparrarsi LinkedIn.

Prescindendo, comunque, dalla possibilità che Google possa davvero acquistare Twitter, c’è un dato che è ormai incontrovertibile: la rete social dei cinguettii è davvero in vendita.

E ci sarebbe un altro potenziale acquirente: Salesforce che ha già tentato, fallendo, di conquistare LinkedIn ma le offerte al rialzo hanno, alla fine, portato il social network del lavoro a casa di Bill Gates.

Secondo voi acquistare Twitter sarebbe conveniente o no? Dite la vostra!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*