Questo sito contribuisce
alla audience di
venerdì 20 gennaio 2017, 7:07
Ultime notizie
Mobile surfer sempre più attivi… ma le aziende italiane sono pronte?

Mobile surfer sempre più attivi… ma le aziende italiane sono pronte?

Non più solo social network ed entertainment: ormai più di 3 su 4 dei navigatori da smartphone utilizzano il mobile per prendere decisioni d’acquisto.

Il 57% lo fa per l’acquisto di prodotti di elettronica, il 53% per abbigliamento e accessori e il 27% per la spesa alimentare.

Per 3 italiani su 4 lo smartphone è diventato un aiuto immancabile nello shopping. Infatti, la percentuale di Mobile Surfer che fanno acquisti di beni e servizi dal proprio smartphone è passata dal 32% al 41% tra fine 2014 e fine 2015. Più nel dettaglio, il 60% sfrutta lo smartphone nella fase di pre-acquisto, per decidere quale prodotto acquistare e dove, il 40% all’interno del punto vendita e il 29% nella fase di post-acquisto. Questi i dati di settore pubblicati dall’Osservatorio Mobile B2C Strategy della School of Management del Politecnico di Milano.

Cresce l’attenzione da parte degli utenti per il mondo mobile: le aziende italiane sono pronte a questo importante cambiamento culturale che riscrive il rapporto tra azienda e consumatore?

Interviene Matteo Catella, Amministratore Unico di CMD Srl, società varesina specializzata in soluzioni informatiche che ha recentemente brevettato JumpToApp, una tecnologia unica al mondo che rivoluziona il mondo delle app: “Le aziende italiane, soprattutto quelle medio-piccole, che rappresentano la percentuale più alta del nostro tessuto produttivo, fanno ancora fatica a comprendere le potenzialità delle applicazioni mobile per il proprio business. Una app è vista principalmente nel suo aspetto ludico e di intrattenimento, non come strumento sempre più importante al servizio delle attività aziendali”.

Se correttamente interpretata e utilizzata, una app può contribuire a migliorare l’esperienza di interazione tra azienda e utente, consentendo di avviare innovative modalità di coinvolgimento del consumatore, intraprendendo attività di real time marketing, migliorando la shopping experience e, in generale, la brand reputation.

Continua Catella: “I siti web oggi sono diventati degli strumenti statici. Anche quando sono usufruiti da mobile prevedono che sia l’utente ad andare a vedere le informazioni che l’azienda mette a disposizione, vanificando, a volte, costose campagne di marketing. Le app rendono le aziende dinamiche con i propri utenti, grazie al sistema delle push notification, e aprono molte nuove strade comunicative”.

Le applicazioni per mobile si prestano oggi a un utilizzo trasversale da parte di tutte le funzioni aziendali.

Dalla piccola media impresa che utilizza l’app come personale biglietto da visita per essere facilmente memorizzata, alla grande multinazionale che desidera impostare un’azione di welfare: molti sono gli utilizzi possibili di questo prezioso strumento digitale”.

Massima flessibilità anche a seconda del core business aziendale.

“Dalla grande azienda informatica o metalmeccanica che abbatte i costi di stampa e spedizione portando i propri cataloghi su uno smartphone e, da qui, in tutto il mondo, all’albergo o al grande centro carni che sostituiscono il tradizionale volantino cartaceo con uno strumento digitale che consente l’invio online ai propri consumatori di promozioni e sconti esclusivi. Per non dimenticare il gruppo editoriale che comunica e aggiorna in modo costante i contenuti a vantaggio dei propri lettori”.

Non resta, dunque, alle aziende italiane che vivere pienamente l’evoluzione in atto, sfruttando tutte le potenzialità concesse dal mobile.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*